Dispensa ecommerce

carrello

Non ci sono prodotti presenti nel carrello.

Subtotale
totale
55,97€
vai al carrello

Il prodotto è stato aggiunto con successo.
Il prodotto è stato aggiunto con successo ( bottiglia bottiglie). Il totale del carrello è ora di
Il prodotto è stato rimosso con successo. Il totale del carrello è ora di
La quantità del prodotto è stato aggiornata con successo ( bottiglia bottiglie). Il totale del carrello è ora di
Nome prodotto

Brands

Iuli

Barat
(0000000J5D0)

28,50 €
750 ml
  • 750 ml
  • 1 bottiglia 28,50 €
  • 3 bottiglie 27,07 €
  • 6 bottiglie 25,65 €
  • Percentuale alcolica
    10,5 %
  • Uvaggio Autoctono
    Si
  • Solfiti
    Si
  • Gluten Free
    Si
  • Ogm Free
    Si
  • Paese
    Italia
  • Area
    Piemonte
  • Formato
    750 ml
  • Uvaggio
    Baratuciat - 100%
  • Chiusura
    Sughero
  • Denominazione
    Vino Bianco
  • Cantina
    Iuli
Consegna prevista:24/48 ore
28,50 €
28,50 €
 Aggiungi al carrello

Tutti i prezzi includono IVA

  • Solfiti
  • Autoctono
  • Gluten free
  • Ogm free
  • descrizione
  • consumo
  • Produttore

Il Baratuciat è un raro vitigno autoctono della Val di Susa, fino a pochi anni fa a rischio d’estinzione. Fabrizio Iuli ha capito subito le sue potenzialità: acidità, sapidità, buona struttura a gradazioni contenute sono un dono del cielo in tempi di riscaldamento climatico. Il vino fermenta spontaneamente in piccole vasche di cemento senza controllo della temperatura e affina sulle fecce fini prima dell’imbottigliamento in tarda primavera, l’anno successivo alla vendemmia. Nessuna chiarifica né filtrazione.

Note gustative
Dieci gradi e mezzo di pura gioia, il Baratuciat di Fabrizio è un vino lineare, saporito e incisivo di grande energia e carattere. Il quadro aromatico riporta fiori bianchi, lime e quella componente gessosa e salina che solo i grandi bianchi sanno esprimere.

Iuli

La storia della cantina Iuli nasce per caso, come le storie d’amore più belle. Fabrizio Iuli aveva studiato per diventare orefice, ma il papà era un agricoltore: gestiva la piccola vigna piantata dal nonno nei primi anni ’30 e ne ricavava qualche bottiglia di vino della casa buono e sincero che vendeva al ristorante della moglie dove Fabrizio, inevitabilmente, ogni tanto andava a lavorare - è lì che scocca la scintilla e decide di prendere in mano la vigna. Siamo nella punta della provincia di Alessandria che punta a nord, verso Torino, zona che ha sofferto l’esodo FIAT che ha allontanato le persone della terra. È qui, in questi terreni dalla vena acida, che Fabrizio coltivai suoi territorialissimi Barbera, Nebbiolo e Pinot nero, fedele ai princìpi di un’agricoltura biologica certificata.

stesso brand

suggeriti