Dispensa ecommerce

carrello

Non ci sono prodotti presenti nel carrello.

Subtotale
totale
55,97€
vai al carrello

Il prodotto è stato aggiunto con successo.
Il prodotto è stato aggiunto con successo ( bottiglia bottiglie). Il totale del carrello è ora di
Il prodotto è stato rimosso con successo. Il totale del carrello è ora di
La quantità del prodotto è stato aggiornata con successo ( bottiglia bottiglie). Il totale del carrello è ora di
Nome prodotto

Brands

Iuli

Ta Da
(0000000J5J0)

22,50 €
750 ml
  • 750 ml
  • 1 bottiglia 22,50 €
  • 3 bottiglie 21,38 €
  • 6 bottiglie 20,25 €
  • Percentuale alcolica
    11,5 %
  • Uvaggio Autoctono
    Si
  • Solfiti
    Si
  • Gluten Free
    Si
  • Ogm Free
    Si
  • Paese
    Italia
  • Area
    Piemonte
  • Formato
    750 ml
  • Uvaggio
    Pinot Nero
    Baratuciat
    Slarina
    Grignolino
  • Chiusura
    Sughero
  • Denominazione
    Vino Rosso
  • Cantina
    Iuli
Consegna prevista:24/48 ore
22,50 €
22,50 €
 Aggiungi al carrello

Tutti i prezzi includono IVA

  • Solfiti
  • Autoctono
  • Gluten free
  • Ogm free
  • descrizione
  • consumo
  • Produttore

Ultimo colpo di genio di Fabrizio Iuli, un vero vin de terroir ma dalla beva compulsiva. Se il monovitigno può essere un grande solista, il Ta Da! incarna l’orchestra: Pinot Nero, Slarina, Baratuciat e un po’ di Grignolino raccolte insieme e cofermentate in piccole vasche di cemento in modo da fomentare sin da subito lo spirito di squadra tra questi quattro vitigni, ognuno con il suo caratterino. Fermentazione spontanea, ça va sans dire, niente chiarifiche né filtrazioni, zero additivi se non piccole quantità di solfiti.

Note gustative
Ta Da! Ecco a voi un autentico vin de soif firmato Val Cerina: fresco e leggero, succoso e croccante, gioca le sue carte vincenti su un profilo delizioso di piccoli frutti rossi, erbe aromatiche e spezie orientali, con un tratto quasi piccante.

Iuli

La storia della cantina Iuli nasce per caso, come le storie d’amore più belle. Fabrizio Iuli aveva studiato per diventare orefice, ma il papà era un agricoltore: gestiva la piccola vigna piantata dal nonno nei primi anni ’30 e ne ricavava qualche bottiglia di vino della casa buono e sincero che vendeva al ristorante della moglie dove Fabrizio, inevitabilmente, ogni tanto andava a lavorare - è lì che scocca la scintilla e decide di prendere in mano la vigna. Siamo nella punta della provincia di Alessandria che punta a nord, verso Torino, zona che ha sofferto l’esodo FIAT che ha allontanato le persone della terra. È qui, in questi terreni dalla vena acida, che Fabrizio coltivai suoi territorialissimi Barbera, Nebbiolo e Pinot nero, fedele ai princìpi di un’agricoltura biologica certificata.

stesso brand

suggeriti