Dispensa ecommerce

carrello

Non ci sono prodotti presenti nel carrello.

Subtotale
totale
55,97€
vai al carrello

Il prodotto è stato aggiunto con successo.
Il prodotto è stato aggiunto con successo ( bottiglia bottiglie). Il totale del carrello è ora di
Il prodotto è stato rimosso con successo. Il totale del carrello è ora di
La quantità del prodotto è stato aggiornata con successo ( bottiglia bottiglie). Il totale del carrello è ora di
Nome prodotto

Brands

Villa Papiano

Sangiovese Modigliana Papesse
(0000000J5U0)

14,50 €
750 ml
  • 750 ml
  • 1 bottiglia 14,50 €
  • 3 bottiglie 13,77 €
  • 6 bottiglie 13,05 €
  • Percentuale alcolica
    12,5 %
  • Uvaggio Autoctono
    Si
  • Solfiti
    Si
  • Gluten Free
    Si
  • Ogm Free
    Si
  • Annata
    2019
  • Paese
    Italia
  • Area
    Emilia Romagna
  • Formato
    750 ml
  • Uvaggio
    Sangiovese - 95%
    Altre varietà
    Negretto
  • Chiusura
    Sughero
  • Denominazione
    Romagna Doc Sangiovese Modigliana
  • Cantina
    Villa Papiano
Consegna prevista:24/48 ore
14,50 €
14,50 €
 Aggiungi al carrello

Tutti i prezzi includono IVA

  • Solfiti
  • Autoctono
  • Gluten free
  • Ogm free
  • descrizione
  • consumo
  • Produttore

Da uve Sangiovese 95%, Balsamina e Negretto 5% piantato su terreno di matrice arenaria con intrusioni di argilla a 500 - 540 metri sul livello del mare, circondato da una splendida area boschiva nell’Appenino Tosco/Emiliano. La fermentazione è spontanea, con lieviti autoctoni e l’affinamento è di 6 mesi in cemento e altri 6 in bottiglia

Note gustative
Il Sangiovese delle montagne: fresco, gioioso e floreale. Marasca, ciliegie e prugna, le note del sottobosco dell’Appenino Tosco-Emiliano ci stimolano la mente e ci fanno camminare tra i castagni e gli abeti. Un sorso scorrevole, un palato giovane e succoso come solo questo uvaggio sa essere. Un viaggio metafisico nel preparco delle foreste Casentinesi.

Villa Papiano

Villa Papiano sono Francesco, Maria Rosa, Giampaolo ed Enrica Bordini, quattro fratelli che insieme decidono, nel 2001, di prendere in mano dei vigneti antichi in un meraviglioso contesto naturalistico alle porte del Parco Nazionale Foreste Casentinesi - qui, gli elementi di una verace viticoltura appenninica ci sono tutti: i terreni poveri, l’altitudine (siamo sul versante sud del monte Chioda, tra i 450 e i 530 metri), le vigne sperdute nel bosco. Oggi i vigneti, soprattutto Sangiovese e Albana ma anche Balsamina e Negretto, si sviluppano sui 10 ettari di gradonature antiche ristrutturate da loro e sono coltivate da sempre con un approccio biologico e sostenibile che regala vini che sanno esprimere bene nella loro salinità il terroir argilloso, lì dove una volta dominava il mare.

stesso brand

suggeriti